Post Translate

venerdì 12 ottobre 2018

THE GREATEST SHOW IN THE NIGHT

...SHARE YOUR DREAMS WHIT ME...


                             Listen to this song before falling asleep.

                                 You will see a show all for you

       Eight billion and more dreams every night!



 

...SHARE YOUR DREAMS WHIT ME...

...For the world we're gonna make...

=============================================

 A MILLION DREAMS

[Verse 1: Young P.T./Ellis Rubin]
I close my eyes and I can see
A world that's waiting up for me
That I call my own
Through the dark, through the door
Through where no one's been before
But it feels like home

[Pre-Chorus: Young P.T./Ellis Rubin]
They can say, they can say it all sounds crazy
They can say, they can say I've lost my mind
I don't care, I don't care, so call me crazy
We can live in a world that we design

[Chorus: Young P.T./Ellis Rubin]
'Cause every night I lie in bed
The brightest colors fill my head
A million dreams are keeping me awake
I think of what the world could be
A vision of the one I see
A million dreams is all it's gonna take
A million dreams for the world we're gonna make

[Verse 2: Young P.T./Ellis Rubin]
There's a house we can build
Every room inside is filled
With things from far away
Special things I compile
Each one there to make you smile
On a rainy day

[Pre-Chorus: Young P.T./Ellis Rubin]
They can say, they can say it all sounds crazy
They can say, they can say we've lost our minds
I don't care, I don't care if they call us crazy
Runaway to a world that we design

[Chorus: P.T. Barnum/Hugh Jackman]
Every night I lie in bed
The brightest colors fill my head
A million dreams are keeping me awake
I think of what the world could be
A vision of the one I see
A million dreams is all it's gonna take
Oh, a million dreams for the world we're gonna make

[Bridge: Charity Barnum & P.T. Barnum]
However big, however small
Let me be part of it all
Share your dreams with me
You may be right, you may be wrong
But say that you'll bring me along
To the world you see
To the world I close my eyes to see
I close my eyes to see


[Chorus: Charity Barnum & P.T. Barnum]
'Cause every night I lie in bed
The brightest colors fill my head

A million dreams are keeping me awake
A million dreams, a million dreams
I think of what the world could be
A vision of the one I see
A million dreams is all it's gonna take
A million dreams for the world we're gonna make

[Outro: Charity Barnum & P.T. Barnum]
For the world we're gonna make

============================

 A MILLION DREAMS

 [Verse 1: Young P.T./Ellis Rubin] 
Chiudo gli occhi e posso vedere 
Un mondo che mi sta aspettando 
Che io chiamo il mio 
Attraverso il buio, attraverso la porta 
Attraverso dove nessuno è stato prima 
Ma sembra di essere a casa

[Pre-Chorus: Young P.T./Ellis Rubin] 

Possono dire, possono dire che tutto sembra pazzo 
Possono dire, possono dire che ho perso la testa 
Non mi interessa, non mi interessa, quindi chiamami pazzo 
Possiamo vivere in un mondo che progettiamo

[Chorus: Young P.T./Ellis Rubin] 

Perché ogni notte menti a letto 
I colori più brillanti mi riempiono la testa 
Un milione di sogni mi tengono sveglio 
Penso a cosa potrebbe essere il mondo 
Una visione di quello che vedo 
Un milione di sogni è tutto ciò che accadrà 
Un milione di sogni per il mondo che faremo

[Verse 2: Young P.T./Ellis Rubin] 

C'è una casa che possiamo costruire
 Ogni stanza all'interno è piena 
Con cose da lontano 
Cose speciali che compilo 
Ognuno lì per farti sorridere
 In un giorno di pioggia

[Pre-Chorus: Young P.T./Ellis Rubin

Possono dire, possono dire che tutto sembra pazzo
 Possono dire, possono dire che abbiamo perso la testa
 Non mi interessa, non mi interessa se ci chiamano pazzi 
In fuga verso un mondo che progettiamo

[Chorus: P.T. Barnum / Hugh Jackman] 

Ogni notte mi trovo a letto 
I colori più brillanti mi riempiono la testa 
Un milione di sogni mi tengono sveglio 
Penso a cosa potrebbe essere il mondo
 Una visione di quello che vedo 
Un milione di sogni è tutto ciò che accadrà
 Oh, un milione di sogni per il mondo che faremo

[Bridge: Charity Barnum e P.T. Barnum] 

Comunque grande, per quanto piccolo 
Lasciami essere parte di tutto questo 
Condividi i tuoi sogni con me 
Potresti aver ragione, potresti avere torto 
Ma dimmi che mi porterai con me 
Per il mondo che vedi 
Al mondo chiudo gli occhi per vedere 
Chiudo gli occhi per vedere

[Chorus: Charity Barnum e P.T. Barnum] 

Perché ogni notte menti a letto 
I colori più brillanti mi riempiono la testa 
Un milione di sogni mi tengono sveglio 
Un milione di sogni, un milione di sogni 
Penso a cosa potrebbe essere il mondo 
Una visione di quello che vedo 
Un milione di sogni è tutto ciò che accadrà 
Un milione di sogni per il mondo che faremo 
[Outro: Charity Barnum e P.T. Barnum] 
Per il mondo che faremo


======================================

Eight billion and more dreams every night!



martedì 2 ottobre 2018

ESAME DI INCOSCIENZA - Unconsciousness Visualization


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Questo BLOG tratta in modo nuovo e scientifico il linguaggio delle immagini che popolano la mente di ogni essere umano, nessuno escluso. Queste immagini si presentano spesso come storie che raccontano eventi che TU VIVI in prima persona, senza rendertene conto.


EVENTI CHE SFUGGONO TOTALMENTE ALLA TUA COSCIENZA

e che

CONDIZIONANO IL TUO COMPORTAMENTO
IN MODO NEGATIVO ED INUTILE

CREANDO DOLORE E SOFFERENZA

Leggi con attenzione questo post che ti dice come intercettare i messaggi inconsci e come utilizzarli per rendere piacevole la tua vita.

ESAME D'INCOSCIENZA

MANUALE DELL'UTENTE

INTRODUZIONE

Questo primo post intende spiegare e diffondere un argomento che, a quanto mi risulta googlando in rete, non è stato mai trattato utilizzando come titolo "Esame d'Incoscienza".

In questo esame è bene conoscere la "Legge di Attrazione" nel suo formulato evitando certi tipi di spiegazioni che fanno riferimento ai sogni (così come trovate in questo link), specialmente negli ultimi punti dove, con leggerezza, si parla di sogni come se le loro immagini fossero linee guida da seguire senza prima averli letti e decodificati secondo i criteri che spiego in questo blog.

Quasi tutti i sogni (alcuni no) segnalano un malfunzionamento delle nostre capacità intellettive di discernimento tra ciò che è utile o inutile (e dannoso) per la persona che sogna.

Per quei sogni che evidenziano opportunità di crescita personale, guadagno, salute, benessere e piacere vale la legge di attrazione.

 Questo LINK spiega bene la Legge di Attrazione ma anche qui troviamo all'inizio:


Tutto l’universo cospira affinché chi lo desidera con tutto sé stesso possa riuscire a realizzare i propri sogni.

 ricadendo nel medesimo errore.
Quale è l'assunto di base della Legge di Attrazione?
La nostra vita è regolata dai nostri pensieri conseguentemente le azioni che compiamo sono da essi generate. Il pensieri sono veri e propri programmi che agiscono come il software eseguito su un computer: non puoi far nulla di razionalmente oggettivo se prima non lo hai pensato e progettato.

Tali pensieri  ricadono nell'ambito cartesiano del:



COGITO ERGO SUM

Ci sono però altri programmi che girano in modo autonomo e che fanno funzionare gli apparati biologici del nostro corpo. Pensiamo al battito cardiaco, alla riparazione di una ferita, alla crescita dei capelli e delle unghie... Tanto per capirci.


Ma la psicosomatica ci insegna che i nostri pensieri "Cogito", specie quelli negativi e ripetitivi alterano l'equilibrio dell'armonia del corpo che si manifesta con la comparsa dei sintomi.


Si può essere d'accordo oppure no.


Non è questa la sede per intavolare sterili diatribe.
Ci sono troppi, anzi enormi  interessi economici che concorrono alla negazione di quanto sostengo.

Mandami un sogno, te lo leggo in modo biologico e poi verifica se quello che ti dico corrisponde a come stai.

Poi fai come ti pare.

Il modo biologico comprende tutte le specie viventi, uomo incluso:



VIVO ERGO SUM

Non è filosofia ma informatica applicata.



LEGGE DI REPULSIONE

Restando in argomento, osserviamo adesso il rovescio della medaglia.

Quindi, per i sogni che rappresentano situazioni non utili e negative (per il sognatore) la legge da applicare è l'esatto opposto di quella di Attrazione, ovvero "La Legge di Repulsione" al fine di allontanarsi dall'ambiente non biologico che impedisce l'evoluzione vitale. 
Ambiente, quello, sottoposto al controllo totale del Complesso Dominante che innesca coattivamente il Ciclo 8 anti umano (My Copyright) che ti consiglio caldamente di leggere.

I sogni dicono come applicare la Legge di Repulsione in modo comparativo (idem per la Legge d'Attrazione) usando il linguaggio delle immagini.
La comparazione si effettua partendo dall'ordine biologico dell'essere umano quale individuo appartenente alla propria specie.

Se, ad esempio, il sogno ti rappresenta con le fattezze di un bambino di 10 anni e tu ne hai 40, significa che il divario tra come sei fisicamente e la tua maturità come persona è di 30 anni. Un esempio classico sono le donne con il volto di bambola (dolly face) un po' svampite che io chiamo "Barbie Vecchia". Oppure certi maschi (anche professori universitari) che hanno l'aspetto dell'eterno bambino (la Sindrome di Peter Pan).

Rammento che i sogni completi si suddividono in tre parti:



  • 1) La scena iniziale che rappresenta la situazione esistenziale del sognatore;
  • 2) La clip di ciò che è accaduto di significativo al sognatore nelle ultime 24/48 ore. Corrisponde alle e-mail che trovi nella cartella "IMPORTANTI" di Gmail. Dal contenuto della clip onirica si evince se queste ore sono state vissute in modo positivo o perdente. I sogni non evidenziano gli eventi NEUTRI che non incidono sulla vita del sognatore. In base a quanto rappresentato nasce la terza parte del sogno.
  • 3) Il finale. Come in un film l'ultima parte ci dice come va a finire.

Vi faccio un esempio in versione tragica.

Nella prima parte del sogno incontri una persona il cui profilo  corrisponde ad una possibile relazione positiva per il sognatore. Classico è l'incontro con un amico o un tecnico esperto in un settore in cui il sognatore è carente. Il sognatore può incontrare, ad esempio, l'istruttore di guida o, che so, il supervisore dell'ufficio commerciale.


Il sognatore ha incontrato nella vita reale una persona IN CARNE ED OSSA che potrebbe tornargli utile. 


Non è detto che sia quell'istruttore di guida o quel supervisore.


Ciò che conta è la relazione che intercorre tra il PERSONAGGIO e IL SOGNATORE: è utile oppure non è utile?

Il sogno dice che si tratta di una buona opportunità.

Adesso bisogna trovare l'alter-ego IN CARNE ED OSSA dell'istruttore o del supervisore.

Il sogno ci dà come personaggi gli AVATAR delle persone reali, talvolta l'AVATAR corrisponde proprio alla PERSONA FISICA del sogno.

Cosa fai in questa seconda parte del sogno col PERSONAGGIO OK?

l'istruttore ti dice come correggere certi errori di guida quando sei al volante? 
Impara e fallo subito. 

Tu, da solo, stai facendo degli ottimi dolci o cucinando una gustosa pizza? Ottimo! Il tuo corpo è sano e la tua mente pure. Il sogno ti dice:  "Sei veramente OK".

Ma te li mangi poi?
Mentre l'istruttore ti corregge la guida chi c'è oltre lui in macchina con te?

Se proprio quando stai per gustare la torta compaiono... Che so? Quattro suore... Ecco che il piacere gastronomico fa a farsi friggere, specie se ti osservano senza far nulla.

Possono le suore fare all'amore o fare peccati di gola?


da Google Immagini
https://1.bp.blogspot.com/
Lo stesso dicasi se nell'automobile c'è una persona che conosci bene ma che ha dei disturbi andrologici o ginecologici che si riflettono anche sul volto: p.e il mento butterato (banale psicosomatica). 
In entrambi i casi l'incontro positivo con l'istruttore o con il supervisore è vanificato da un incontro con un'altra persona IN CARNE ED OSSA che manda per aria quanto tu stai costruendo di buono per te.

Usando un linguaggio prosaico: il solito rompicoglioni che ti innaffia colle sue frustrazioni di stampo sessuale. Tanto che alla fine del sogno diventi (se femmina)  la tromba di un ascensore che fa su e giù. Se maschio diventi un ascensore che fa su e giù dentro una tromba.


Trombate meccaniche.


Poi vai magari dal ginecologo per farti curare "quel fastidioso prurito", la cistite o la candida. O se seguiti ti viene qualcosa di peggio.


Fatta questa breve digressione onirica riprendiamo il discorso.

E ripetiamo ancora che:

I sogni fotografano il gap tra come esisti e come invece potresti (dovresti) essere.

Questo divario è sempre e comunque provocato dall'errata applicazione della Legge di Attrazione attraverso l'uso di morali improprie alla vita del soggetto.
Come ad esempio certe morali religiose.

La Legge di Attrazione applicata male genera tre istanze negative che si presenziano emotivamente come:

SENSO DI COLPA
SENSO DI SPORCO
PERICOLO E PAURA

Che caratterizzano la figura del PECCATORE

colpevole di essere sporco dei peccati commessi e pertanto pauroso di finire nelle grinfie della dannazione eterna.

L'ESAME DI COSCIENZA  universalmente proposto e condiviso, focalizza la sua attenzione nel misurare quanto sei colpevole, sporco e pauroso. esso è carente di adeguati strumenti operativi che siano sperimentalmente osservabili e quantificabili. Ci si deve pertanto  affidare ad un insondabile sapere misterico, inaccessibile all'uomo, ed abbandonarsi ad un fideistica e sconosciuta Provvidenza. Questa è  sostenuta da un credo dogmatico, amministrato da un potere vincolante  esterno e non importa se di tipo clericale o laico.

L'ESAME DI COSCIENZA E' SOTTOPOSTO A QUATTRO VINCOLI CHE DIVENTANO REGOLE OPERATIVE.


1) c'è sempre UN'AUTORITÀ che ti dice cosa e come si deve esaminare, anche lo stesso Capo di quella autorità si mette in gioco e rinforza l'ideologia che egli presiede.


Molto spesso l'Esame d'Incoscienza nega ciò che l'ideologia impone (indifferente se laica o religiosa).


2) Se esiste UN'AUTORITÀ allora è implicito il secondo vincolo-dovere che è quello dell'OBBEDIENZA. Non importa se di stampo religioso (camici neri) o se  dettata da un codice deontologico professionale (camici bianchi) o altra morale


Non solo, l'Autorità ti dice anche quale è il tuo ruolo specifico come attore di questo esame:


 PECCATORE e/o MALATO. 


Se ti conformi, senza discutere, ai dettati di cura proposti in ritualità sacra (non conoscibile) o protocollare medica, allora puoi aspirare al terzo livello, quello che ti certifica come Salvato o Guarito.


3) Quindi se obbedisci all'Autorità seguendo la VIA indicata incontri la tua VERITÀ e raggiungi la  SALVEZZA (il terzo dei quattro punti). Guarisci nell'anima e nel corpo e rientri nel ciclo virtuoso della...


4) VITA. 

Quale vita?. Come fai a verificare oggettivamente il tuo vissuto soggettivo?
L'Esame di Coscienza non lo dice.

Comunque per coloro che sono totalmente inconsci a sé stessi può tornare utile seguire un'ideologia laica o religiosa che dia un senso alla loro vita identificandoli in un ruolo subordinato di obbedienza.

per contro

L'ESAME DI INCOSCIENZA universalmente sconosciuto e nascosto, quando viene applicato dà le coordinate esatte della propria posizione esistenziale rappresentandone i punti di forza e di debolezza. Funziona in modo egregio, Non sono molti gli specialisti che conoscono questo tipo di esame ed hanno la capacità operativa per usarlo.

L'esame d'incoscienza inizia sempre e comunque dalla VITA (il punto 4 precedente) osservata secondo la natura biologica INDIVIDUALE.


Non esiste in natura un essere umano uguale ad un altro. Ma anche se per ipotesi  tali esseri esistessero, costoro sarebbero diversi per la storia del loro  personale vissuto. Quello che si sente dire spesso: "E' uguale a suo padre", non corrisponde mai a verità. L'esame di incoscienza lo conferma sempre.


A differenza dell'esame medico, che si focalizza sul sintomo, quello d'incoscienza evidenzia la causa nascosta del sintomo con la particolarità di segnalare cause, individualmente distinte, talvolta afferenti ad una medesima sintomatologia. 

L'Esame d'Incoscienza è ben conosciuto dalla Chiesa Cattolica che nei tempi dell'Inquisizione ed anche prima, condannava a morte chi si azzardava a interpretare i sogni.

Qualcuno potrebbe obiettare che il cosiddetto inconscio lo hanno esaminato in tanti a cominciare da Freud. Per non parlare di Jung, Aeppli, Gutheil, Pliskin, Thompson, Bailey, Adamson, Gayle, Mallon... E decine di altri studiosi.
Ciascuno secondo un proprio modello rappresentativo e interpretativo.

Ma millenni prima di costoro già nella Bibbia troviamo ad esempio Giuseppe e Daniele che leggono (bene) i sogni ai potenti del momento quali il Faraone e Nabucodonosor.

Nella Bibbia per ben 76 volte i sogni indicano la via maestra per prendere decisioni cruciali per il destino di un popolo o il perdurare di un potere. 

Nel II secolo d.c. Artemidoro scrisse ben 5 libri di Onirocritica e nel 1500 Jeronimus Cardano ne scrisse altrettanti compreso il libro dei suoi sogni personali "De Vita Propria"

Ma allora cosa c'è di diverso in questo blog rispetto al passato e al presente?

Qui le immagini della mente sono lette secondo un modello universalmente condiviso dotato di strumenti informatici propri della professione di Auditor.

 La rappresentazione del sistema onirico viene pari pari ripresa da WINDOWS Microsoft (Linux o MAC). 

Io ho chiamato questo sistema 

MINDOWS

Ovvero: le finestre della mente.

Questo tipo di rappresentazione ha la prerogativa di intercettare, in tempo utile o come si dice: in real time, quali sono le "finestre attive" in quel certo momento e di svelare quali sono i processi mentali ad esse  associati.

Esattamente come avviene nel sistema Windows Microsoft.

Quindi per leggere le immagini mentali basta avere una minima conoscenza dell'architettura di questo sistema e del suo funzionamento come ad esempio una Certificazione ECDL per usare un lessico universale, appropriato per la lettura dei sogni...


Niente più IO, ES e SuperIo Freudiani o Animus, Anima e Ombra Junghiani.  Nè sogni provenienti dalla porta di corno o di alabastro (Artemidoro); sogni mandati da Dio, dagli dei o dai Numi...

Solo finestre grafiche con le loro immagini per lo più dinamiche (raramente statiche) che ci dicono chi siamo e se stiamo facendo cose utili per noi stessi, oppure no. Un ambiente  ricolmo di emoticon, gif animated, banner, tags, link, clips... Ciascuno con ben preciso significato relativamente al contesto specifico. 

Finestre oniriche di Realtà Aumentata che svelano dimensioni nascoste al banale Esame di Coscienza. 

GUI (Interfaccia Grafica Utente) onirica multistrato capace di catturare il background dei processi mentali nascosti (virus compresi).

Un sistema di controllo e verifica interno immediato (senza mediazione esterna) istallato in ogni essere umano che è impossibile da arrestare o modificare.

Un sistema NEUTRO di videosorveglianza che rappresenta graficamente e in modo esatto lo stato esistenziale del sognatore.

Se qualcuno bussa alla tua porta, il sogno ti fotografa IL MOTIVO che lo spinge ad entrare dentro la tua casa. 
Se il sogno ti rappresenta il tuo medico che ride allora stai certo che tu stai male o che presto ti ammalerai: Attrazione Fatale.
Non è il medico ad essere la figura negativa ma tu stesso che fai sorridere chi cura le malattie.

Esattamente l'opposto se chi ti sorride è un contadino in un frutteto o una donna che ti offre latte dalle sue poppe: Attrazione Vitale.

Ecco come si usa la Legge d'Attrazione, ma prima occorre  ottenere il "Nulla Osta" di Mindows certificato da un Auditor Onirico.

Se non fai così hai buone probabilità di fare casino.

Una volta accertato che l'immagine del sogno è vitale e positiva allora rendi eseguibile il programma "Legge di Attrazione" secondo le modalità consolidate. Per far questo basta visitare qualche sito specializzato in argomento senza farsi troppo coinvolgere da facili quanto perniciosi entusiasmi di utenti miracolati.

MA NON BASTA!!!!!

MINDOWS
 ti dice tutte le notti (e pure di giorno se sei allenato) se la tua vita sta filando liscia verso la meta prescelta come ATTRAZIONE positiva (p.e. un progetto di cambiamento di vita), e ti avvisa se stai inciampando in qualche trappola che la coscienza non ha rilevato. 

sostenitori della Legge di Attrazione consigliano di evitare la particella negativa "NON" che caratterizza i pensieri negazionali (non quelli negativi, a dispetto di quanto semplicisticamente condiviso), o
vvero il modo di pensare che sostiene di NON Fare o NON pensare qualcosa, tipo "non voglio ammalarmi" o "non voglio essere cattivo" piuttosto che: "voglio vivere in quella casa nel parco e stare bene" o "fare una carezza a mio figlio". 

Vediamo una delle tante proprietà dei sogni


CARATTERISTICA PECULIARE DEL SOGNO


NEI SOGNI LA NEGAZIONE E' ASSENTE 

Perché? Provate a dipingere "ho deciso di NON andare a lavorare", oppure "Pierino NON sporcare il pavimento!, o ancora meglio: "Non pensare più al colore BLU".

A parole lo dici ma come fai in una finestra di WINDOWS a rappresentare il NON Blu come immagine? 
Il furbo mi dirà la faccio tutta verde. Ma il verde è il NON blu?
Anche il rosso è NON blu. Anzi è ROSSO e basta.

Il sogno è affermativo: rappresenta, attraverso il personaggio principale, CHI SEI TU ADESSO:
un delfino, un topo, un amico, un nemico (di te stesso), una lucciola, una lanterna, un fiasco, un fischio, tu allo specchio... 

Le immagini del sogno ti dicono come TU SEI CAMBIATO in modo non naturale. Ti dicono anche come, dove, quando e perché essa stata modificata ed alterata:


UN ESSERE UMANO MODIFICATO



LA TEORIA DEI SISTEMI E IL CAMBIAMENTO

Vediamo ora cosa ostacola il ripristino della funzionalità umana e dei valori che ad essa si riferiscono.

La Teoria dei Sistemi ci dice che nessun cambiamento è possibile se programmato e deciso all'interno del sistema medesimo, così come potrebbe essere  una famiglia condizionata dallo stato emotivo di una persona depressa come una mamma iper-ansiosa a vuoto, che si preoccupa per la prole, senza conoscere di cosa essa ha davvero paura (di stessa, ovvio). 

A questi tipi di persona l'esame di coscienza alimenta lo stato patologico impedendo la VISIONE corretta del proprio problema e la impossibilità di risolverlo. I pensieri riciclano a vuoto ed innescano il famigerato Ciclo 8 da me ampiamente divulgato in questo blog.


Nella pagina che ho linkato si legge:

L'Albero Genealogico, inteso come Sistema Familiare, è composto da diversi elementi, è un sistema aperto e in espansione, e cerca continuamente l'equilibrio e l'auto-regolazione cibernetica. Le informazioni che circolano quindi nel sistema (o nell'Inconscio Familiare, o Anima Familiare) risentono di tutte le esperienze più o meno drammatiche vissute dai membri della nostra famiglia di origine: il problema di un singolo elemento si riflette sull'intero sistema.

In verità il sistema familiare è solo in apparenza un sistema aperto in quanto esso è frequentemente sottoposto al vincolo imposto dal Ciclo 8 che indirizza a ritrovare il proprio equilibrio nella ripetizione di modelli di comportamento non funzionali che impediscono cambiamento ed evoluzione (le cosiddette morali familiari sostenute da ideologie religiose e laiche).



Sempre al medesimo link però leggiamo:
 Ogni elemento di un sistema è in relazione con gli altri elementi, e ha una ragione d'essere per la specifica funzione che svolge. Comportamenti, ruoli e funzioni diverse concorrono a generare la Proprietà Emergente del sistema, che è una caratteristica superiore alla somma delle funzioni.


LA PROPRIETA' NON EMERGENTE NASCOSTA

Questa proprietà invece, se attivata, trasforma qualsiasi sistema vivente umano in un sistema aperto capace di evolversi in maniera funzionale ed utile.

Si ritorna a quello che spiego in apertura riguardo L'ESAME D'INCOSCIENZA che ha la prerogativa di poter essere fatto, dopo adeguato training, in maniera autonoma.

In realtà questo esame d'incoscienza viene eseguito in modo automatico in ogni essere umano: ciò che risulta ostico è piuttosto cogliere e decodificare il messaggio che viene inviato come immagine mentale (non solo i sogni). 
Ciò deriva dalla formazione educativa standardizzata che non pone in dovuto risalto questo tipo di conoscenza lasciandola collettivamente ed individualmente sconosciuta.

LE IMMAGINI GENERATE DALLA MENTE QUASI TUTTI RIESCONO A PERCEPIRLE MA ESIGUO E' IL NUMERO DI COLORO CHE SONO CAPACI DI DECODIFICARNE IL SIGNIFICATO.

Ci vuole un Manuale Utente per poter usare L'Esame d'Incoscienza. 

E' necessario sperimentare in corpore viri et in spiritu mentis le istruzioni operative contenute nel manuale.

Dove trovo questo manuale?

Sto scrivendo proprio adesso questa presentazione prima di creare un BLOG specialistico chiamato MINDOWS. 

In realtà il manuale esiste già da quattro anni ed è questo BLOG. Si tratta di sistematizzarlo per renderlo fruibile in maniera amichevole (user friendly). 

Non a caso stamattina il mio amico Maurizio, con cui da oltre tre anni mi confronto sui sogni, al telefono mi ha detto: "Daniele perché non facciamo un manualetto semplice: un compendio per divulgare  come leggere i sogni e le altre immagini che la mente genera?"

Gli ho risposto che questo mio Blog lo fa da quattro anni e che proprio venerdì passato ho iniziato a scrivere il Manuale dell'Utente inventandomi un nome nuovo:

ESAME D'INCOSCIENZA


di cui, ovviamente, rivendico  l'esclusivo Copyright.

Gli ho rammentato che ho inventato, tempo fa anche un altro nome, pubblicizzato in due post:

Avrei piacere che chi mi legge mi inviasse in privato un suo sogno col permesso di pubblicarlo. 
Come di consueto provvederò a cambiare luoghi, nomi e tempo nel rispetto dell'altrui riservatezza.

Mi fermo qui oggi e di cuore vi saluto.

Daniele Bernabei.

Nota:

Leggendo questo post avete certamente notato che evito il più possibile di parlare di psicologia, nonostante io sia anche psicologo e psicoterapeuta. In realtà sono più informatico che psicologo avendo iniziato già nel lontano 1963 ad interessarmi a questa scienza nuova quando diciannovenne ho frequentato il primo dei miei oltre 150 corsi di specializzazione. Adesso ho 76 anni e mi sento ancora un ragazzo quando mi inoltro nei meandri della rete o mi diverto a giocare con Paintshop, o Audacity. 

Amo l'amico pinguino Linux e un po' meno l'oneroso Windows di Microsoft.

Apple (Os X) per me non esiste essendo un clone assai costoso di Linux; meglio il suo gemello Android che costa assai di meno. Entrambi su piattaforma Unix-Linux.

Siamo solo all'inizio di questa nuova era informatica e mi piacerebbe vedere come sarà tra cent'anni.


Stanotte i miei sogni me lo diranno.

Così come me lo hanno anticipato ieri notte.


Royalty Free




























lunedì 27 agosto 2018

CUCCIOLO UMANO



°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°° 




Silvia osserva. (agosto 1986)



Carissimi lettori ecco un nuovo sogno che racconta come sia possibile cogliere l'occasione per evolversi e quali siano le conseguenze se tale occasione viene perduta.

In corsivo blu il sogno così come mi è stato inviato.

SOGNO DEI BAMBINI:
1.       SONO IN UN’AMPIA SALA, SEMBRA UNA SALA DA PRANZO DI UN RISTORANTE MA PER IL MOMENTO E’ VUOTA, PARETI BIANCHE, FINESTRA, LUCE PACATA DELLE 16-17. RACCONTO A SILVIA DEL SOGNO CHE HO FATTO (CHE E’ IL SOGNO STESSO) IN CUI HO VISTO LEI E CARMELO IL SUO COMPAGNO IN QUESTA STANZA CON IL LORO FIGLIO. LE SOTTOLINEO CHE NON ERA UNA FIGLIA MA UN PICCOLO RAGAZZINO DI 3-4 ANNI CHE STAVA GIOCANDO CON UNA BAMBINA DELLA STESSA ETA’, UN’AMICHETTA. IL BAMBINO E’ BIONDO CON GLI OCCHI AZZURRI, LA BAMBINA E’ BELLISSIMA HA LA PELLE UN PO’ SCURA, I CAPELLI LUNGHI NERI CON I BOCCOLI E GLI OCCHI AZZURRI. SONO CARINI, SI ABBRACCIANO E GIOCANO. MI COMPIACCIO CON SILVIA CHE FACCIA GIOCARE IL FIGLIO (CHE NON E’ UNA FIGLIA) CON UN’AMICA DELLA SUA ETA’ COSI’ NON DEVE RELAZIONARSI CON LORO CHE SONO ADULTI.

2.       POI SI VEDE LA STESSA STANZA E SILVIA SEDUTA AD UN TAVOLINO QUADRATO APPOGGIATO AL MURO COME IN ATTESA DI ESSERE SERVITA. IO INVECE SONO IN PIEDI LI ACCANTO. TUTTAVIA NON C’E’ NULLA DA MANGIARE E NON E’ NEANCHE APPARECCHIATA. SOTTO AL TAVOLINO VEDIAMO UN GATTINO NERO PICCOLO DI POCHI GIORNI, E’ PICCOLO E FA TENEREZZA. POI SUL TAVOLO VEDIAMO ALTRI 2 GATTINI NERI. INTANTO VICINO A ME SI VEDE UN TAVOLINETTO CON SEDUTI 2 RAGAZZI DI CIRCA 35-40. UNO NON SI VEDE, UNO LO VEDO CON LA CODA DELL’OCCHIO CHE SEMBRANO SEDUTI ANCHE LORO IN ATTESA DI MANGIARE. QUELLO CHE VEDO CON LA CODA DELL’OCCHIO FA UNA BATTUTA SUL GATTINO DICENDO CHE E’ TENERISSIMO. ALLORA IO PRENDO UNO DEI 2 GATTINI SUL TAVOLO E ME LO METTO IN BRACCIO MA LO LASCIO SUBITO SUL TAVOLO POICHE’ HA LE UNGHIE TROPPO APPUNTITE E MI PUNGE SUL BRACCIO. NON MI FERISCE, MA QUELLE UNGHIE MI DANNO FASTIDIO QUINDI LO LASCIO SUBITO SCENDERE.

3.       NON SO SE C’E’ UNA SCENA SUCCESSIVA IN CUI SI VEDE UN CANE CHE GIOCA CON UN GATTO.

Non mi stancherò mai di ripetere che le immagini del sogno si riferiscono sempre ad eventi che stanno accadendo adesso e che interessano esclusivamente la vita del sognatore.

 Le persone che incontriamo nei nostri sogni rappresentano assai spesso certi modi di vivere di colui che sogna, i quali esemplificano caratteristiche comportamentali, da valutare secondo il ben noto criterio della funzione utilitaristica.

 In altre parole: “Quel personaggio (che io stesso, nel sogno, impersono) agisce in modo positivo verso di me?

Oppure no?”.

La stessa cose per quanto riguarda l’ambientazione: come sono le locations che il regista onirico ha scelto per girare le scene del sogno?

Proprio come in un film.
Un film splatter di zombie o una storia di delfini? 

Questo è il criterio fondamentale per LEGGERE i sogni: utile o inutile per me?
Per essere precisi i personaggi del sogno talvolta sono proprio loro ma, non accade spesso.
Fatta questa breve premessa, passiamo ora a LEGGERE le news che il sogno invia alla sognatrice.
Il titolo della prima parte del sogno:

LA SCELTA


SONO IN UN’AMPIA SALA, SEMBRA UNA SALA DA PRANZO DI UN RISTORANTE MA PER IL MOMENTO E’ VUOTA, PARETI BIANCHE, FINESTRA, LUCE PACATA DELLE 16-17. RACCONTO A SILVIA DEL SOGNO CHE HO FATTO (CHE E’ IL SOGNO STESSO) IN CUI HO VISTO LEI E CARMELO IL SUO COMPAGNO IN QUESTA STANZA CON IL LORO FIGLIO

Come ben si sa il buongiorno si vede dal mattino. Una sala da pranzo di un ristorante che però è vuota. Di cosa è vuota? Di clienti? Di arredamento?
Sembrerebbe di entrambi dato che nella seconda parte ci sono solo tre persone (oltre la  sognatrice).
Le pareti sono bianche e c’è UNA FINESTRA. Ovvero la possibilità di osservare cosa accade fuori del chiuso della sala, ovvero la possibilità di leggere il sogno e capire cosa sta accadendo e cosa sta per accadere nei prossimi giorni ma che è già stato programmato nella settimana di Ferragosto esattamente nei giorni 16 e 17, quando la sognatrice ha incontrato i tre gattini che compaiono nella seconda parte.

Il fatto che lei racconti il sogno nel sogno accentua l’importanza fondamentale che il sogno riveste nel percorso evolutivo di vita che la sognatrice ha intrapreso:
PSICOLOGICAMENTE, ADESSO, E’ UN CUCCIOLO UMANO che sta esplorando il suo mondo. Il sogno dice che la madre avrebbe preferito un figlio maschio al posto di lei. E questa terribile notizia l’ha capita nell’arco di tempo quando aveva dai tre ai quattro anni.

LE SOTTOLINEO CHE NON ERA UNA FIGLIA MA UN PICCOLO RAGAZZINO DI 3-4 ANNI CHE STAVA GIOCANDO CON UNA BAMBINA DELLA STESSA ETA’, UN’AMICHETTA. IL BAMBINO E’ BIONDO CON GLI OCCHI AZZURRI, LA BAMBINA E’ BELLISSIMA HA LA PELLE UN PO’ SCURA, I CAPELLI LUNGHI NERI CON I BOCCOLI E GLI OCCHI AZZURRI. SONO CARINI, SI ABBRACCIANO E GIOCANO.

Ma come ho già detto il sogno illustra eventi reali che stanno accadendo. Chi è Junghiano potrebbe pensare all’unificazione dell’Animus con l’Anima e la cosa potrebbe essere vera.
 Ma non basta.
 Adesso la sognatrice ha trovato una bambina bellissima con cui giocare ai giochi che fanno i bambini di quattro anni. Il sogno le dice che se VUOLE RINASCERE non può e non deve giocare ai giochi che fanno gli adulti (quali giochi?).
Infatti:

MI COMPIACCIO CON SILVIA CHE FACCIA GIOCARE IL FIGLIO (CHE NON E’ UNA FIGLIA) CON UN’AMICA DELLA SUA ETA’

Adesso la sognatrice ha l’occasione reale e concreta di ritrovare sé stessa rinascendo come femmina senza però la costrizione (erroneamente intesa come libertà) di relazionarsi ai maschi secondo la sua età anagrafica. Tanto per chiarire: c’è l’occasione di incontrare un’altra persona che ha la capacità di giocare il gioco della vita con la sua anima bambina, nel il tempo che serve ad imparare a leggere le news che i sogni inviano ogni giorno: “il nostro pane quotidiano”.

Una pedagogia evolutiva,  integrata nella terza coscienza del linguaggio primario delle immagini.

 COSI’ NON DEVE RELAZIONARSI CON LORO CHE SONO ADULTI.

Altrimenti cosa accadrà?
L’incontro coi tre CUCCIOLI DI GATTO!!!

Così come è stato programmato il 16 e il 17 agosto dal COMPLESSO DOMINANTE “SILVIA”: Ovvero l’alter ego autonomo e involutivo della sognatrice.

Anticipo che i tre gattini hanno il medesimo nome: si chiamano CARMELO (come il compagno di Silvia).

Cosa significano i cuccioli di certi animali nei sogni?
CUCCIOLO (GATTINO, CAGNOLINO, PICCOLO ORSO, ETC.)Relazione affettiva e di fiducia verso una persona o situazione parassitaria o negativa. Erotismo a vuoto.
(A.Meneghetti – Prontuario Onirico)

POI SI VEDE LA STESSA STANZA E SILVIA SEDUTA AD UN TAVOLINO QUADRATO APPOGGIATO AL MURO COME IN ATTESA DI ESSERE SERVITA. IO INVECE SONO IN PIEDI LI ACCANTO. TUTTAVIA NON C’E’ NULLA DA MANGIARE E NON E’ NEANCHE APPARECCHIATA.
Se riprendiamo il criterio utilitaristico osserviamo l’inutilità che permea tutta la scena: personaggi e arredamento.
Il titolo di questa seconda parte del sogno, qualora la sognatrice scelga di incontrare i tre gattini (ne basta uno!).

LA GATTA SEDUTA CHE ASPETTA


Cosa è il gatto nei sogni:
GATTO
Piccolo felino che si accomoda con l’uomo soltanto per prendere automaticamente calore e cibo. Indica sempre lo stato di servizio indiscusso che il soggetto maschile, a proprio detrimento, ha nei confronti della madre o di un’altra donna, e l’identificazione privilegiata che la donna ha nei confronti del proprio sistema ideologico per lo più latentemente aggressivo. È simbolo di una femminilità apparentemente sicura, riuscita, dolce, ma in realtà assorbita dalla macchina per esercitare presa vampirica, per semantizzare erotismo a vuoto, vaginismo nero e aggressività sociale. La donna si ritiene predominante, ma in realtà è solo marionetta di un complesso ambientale o della macchina interiorizzata, che la preorientano sistematicamente come propria punta d’azione. I mali ed i problemi che questa donna soffre, lei li colpevolizza sempre nelle sue vittime ed altri accusati.(A.Meneghetti – Prontuario Onirico)
Quale è l’elemento che, nel sogno, accomuna la gatta Silvia  ai gattini?

Erotismo a vuoto.

Rappresentato da un tavolino VUOTO, non apparecchiato, perché NON C’E’ NULLA DA MANGIARE.

SOTTO AL TAVOLINO VEDIAMO UN GATTINO NERO PICCOLO DI POCHI GIORNI, E’ PICCOLO E FA TENEREZZA. POI SUL TAVOLO VEDIAMO ALTRI 2 GATTINI NERI. INTANTO VICINO A ME SI VEDE UN TAVOLINETTO CON SEDUTI 2 RAGAZZI DI CIRCA 35-40. UNO NON SI VEDE, UNO LO VEDO CON LA CODA DELL’OCCHIO CHE SEMBRANO SEDUTI ANCHE LORO IN ATTESA DI MANGIARE. QUELLO CHE VEDO CON LA CODA DELL’OCCHIO FA UNA BATTUTA SUL GATTINO DICENDO CHE E’ TENERISSIMO. ALLORA IO PRENDO UNO DEI 2 GATTINI SUL TAVOLO E ME LO METTO IN BRACCIO MA LO LASCIO SUBITO SUL TAVOLO POICHE’ HA LE UNGHIE TROPPO APPUNTITE E MI PUNGE SUL BRACCIO. NON MI FERISCE, MA QUELLE UNGHIE MI DANNO FASTIDIO QUINDI LO LASCIO SUBITO SCENDERE.

Leggiamo questa parte del sogno, come farebbe Sherlock Holmes, facendo ben attenzione ai minimi particolari là dove si nasconde il movente e, in questo caso, il dolo.

“Sotto il tavolino VEDIAMO (plurale) un gattino…”.

La sognatrice e Silvia vedono entrambe questo gattino che sta sotto al tavolo. Il gattino è di pochi giorni… Magari è nato il 16 o il 17 di agosto e già sta sotto il tavolo. 

Sherlock indaga e vede il punto esatto dove il gattino si è accomodato (forse vicino alla gattina di Silvia) in quanto è stato prescelto tra i tre. Per gli altri due micetti ormai c’è poco da fare. Restano seduti in attesa di mangiare… Ma cosa? Se non c’è nulla…

Ma Sherlock capisce che uno dei due è interessato ancora al tenerissimo gattino/a sotto al tavolo, ma non sa che il posto è stato occupato.
Non vuole essere preso solo in braccio dalla sognatrice. Vuole andare sotto il tavolo dove è seduta Silvia. Tira fuori le unghie e punge la sognatrice sul braccio.

Come ben sapete nei sogni è talvolta presente la “condensazione” dove l’immagine può rappresentare contemporaneamente più persone e/o cose diverse e distinte. Come ad esempio il gattino/a sotto il tavolo o il braccio punto, dove la puntura potrebbe indicare il pericolo di un gioco sbagliato.

Quando leggiamo un sogno è bene dimenticare tutte le morali religiose, ideologiche, sistemiche, familiari e pure quelle scientifiche, per concentrarsi solo sulla morale della natura umana primigenia.

Nei sogni non si fa pet-terapy e quindi un cucciolo di animale rappresenta un istinto non evoluto, bloccato e forzato in un modello comportamentale distorto, viziato affettivamente, e quindi non funzionale per il sognatore.

Quando invece l’istinto è sano e ha necessità di evolversi allora il sogno lo rappresenta con la figura di un bambino che agisce. Come, ad esempio, un bambino che gioca con un altro bambino.

Gatti e bambini appartengono a due specie animali diverse. Un bambino potrà amare il gattino che la mamma gli ha regalato ma IL MICETTO NON CONTRACCAMBIERA’ MAI E POI MAI L’AMORE RICEVUTO. 
Credere il contrario è una pia illusione che alimenta solo il consumo dei Friskies.

Rendere antropomorfa una relazione tra l’uomo e l’animale è una forzatura culturale che contraddice il principio biologico della specie d’appartenenza e ne snatura, singolarmente, l’individualità. Peggio ancora (per l’umano) se tale relazione è affettivamente paritetica e ancor peggio se subordinata. Ho visto tantissime persone con il loro bravo cane-padrone.
E mica poche.

L’ultima parte del sogno è solo un frammento di un cane che gioca con un gatto.
Nei sogni cani e gatti non vanno d’accordo anche se qualcuno posta su Youtube la sua brava clip del cane e gatto amici.
Nei sogni non è così.

Di questo sogno ho spiegato sì e no il 20% per ragioni di riservatezza verso la sognatrice e le persone che compaiono nel sogno.
Mi auguro che sia sufficiente per stimolare la curiosità di coloro che mi leggono e che hanno voglia di approfondire di persona questo argomento.

Un saluto particolare a chi mi segue dalla Francia, dal Brasile, dalla Russia e dall’Ucraina.

Daniele Bernabei